Nell’ultimo anno si è parlato molto di detrazioni fiscali sugli interventi di ristrutturazione e, in particolare, quelle relative al Decreto Rilancio del 2020 e alla Legge di Bilancio 2021. Nel nostro lavoro di consulenza e gestione appartamenti turistici  abbiamo affrontato svariate volte l’argomento.

 

Molti si sono chiesti come accedere a questi Bonus e se ne avessero il diritto. Sicuramente anche tu, in quanto host, ti sarai domandato quale sia il rapporto tra affitti brevi e detrazioni fiscali. Sono previste per i contratti di locazione inferiori ai 30 giorni? Potresti approfittarne per ridurre il consumo energetico, offrire spazi moderni e freschi ai tuoi ospiti o ridurre i rischi sismici. Si può fare?

 

Non ti resta che leggere questo articolo fino in fondo e scoprire di più su affitti brevi e detrazioni fiscali. Nel frattempo, ricorda di dare un’occhiata ai nostri video gratuiti su YouTube, per rimanere sempre aggiornato.

 

Rassegna detrazioni fiscali anno 2021

ecobonus e affitti breviPrima di capire come le agevolazioni fiscali si applichino alle locazioni brevi, è bene fare chiarezza su quali siano e cosa prevedano. La legge di Bilancio 2021 ha prorogato quei bonus in scadenza a fine 2020, con alcune variazioni:

 

  • bonus facciate, che prevede detrazioni al 90% per il recupero degli interventi edilizi sulla facciata esterna degli edifici;
  • bonus ristrutturazioni, con detrazioni del 50% su interventi che presentano una spesa massima di 96.000 euro. Tra essi annoveriamo manutenzione ordinaria sulle parti comuni di edifici residenziali, ma anche straordinaria, ricostruzioni di parti dell’edificio a seguito di disastri naturali, eliminazione delle barriere architettoniche, interventi per contenere l’inquinamento acustico, per migliorare la resistenza ai terremoti e molti altri;
  • bonus mobili, che consiste in detrazione al 50% per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica A+. Nel 2020 si applicava a mobili per un valore non superiore a 10.000 euro, ma nel 2021 la cifra ha raggiunto i 16.000 euro;
  • bonus verde, per interventi su giardini e aree verdi, prevedendo una detrazione pari al 36%;
  • ecobonus, tra quelli che hanno suscitato più interesse, ovvero la detrazione fiscale che interessa quegli interventi di efficientamento energetico. L’agevolazione è prevista al 65% quest’anno, a differenza del 2020 che si fermava al 50%;
  • sisma bonus, che rientra nell’ambito dei lavori di recupero del patrimonio edilizio, per cui è prevista una detrazione fiscale del 50% con una spesa massima di 96.000 euro.

 

Ricordiamo che la somma delle detrazioni fiscali risultanti da interventi di miglioramento sia antisismico che energetico va a costituire il famigerato Superbonus 110%.

 

 

Chi può accedere alle detrazioni fiscali?

Partiamo subito parlando del Superbonus 110%, la detrazione fiscale che più fa parlare di sé e che più spesso incontriamo durante le nostre Consulenze specialistiche.

 

locazioni brevi e incentiviIl bonus si applica a edifici residenziali, quindi restano esclusi quegli immobili adibiti ad accogliere un’attività lavorativa e anche quelli patrimoniali. Le locazioni brevi rientrano in questa categoria o in quella degli edifici residenziali? Scopriamolo subito.

 

Al Superbonus 110% possono accedere soltanto quei soggetti non titolari di partita IVA e che quindi svolgono un’attività di affitto breve occasionale. Questo perché, qualora l’host utilizzi l’immobile a scopo ricettivo offrendo servizi quali gestione di case vacanze, affittacamere e altri, di fatto sta lavorando e l’alloggio non è più residenziale, ma coincide con il luogo in cui un individuo esercita la sua professione.

 

Detto in parole semplici, se tu, in quanto host, guadagni in maniera professionale attraverso il tuo alloggio, allora non potrai accedere alla detrazione del Superbonus in quanto il tuo edificio risulta strumentale per natura.

 

Stesso discorso vale per il bonus facciate, ristrutturazioni (l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che un immobile locato anche per un brevissimo periodo dell’anno non potrà usufruire della quota di detrazione per interventi di ristrutturazione) e mobili, in quanto ne hanno diritto solo i proprietari non in possesso di edifici strumentali.

 

 

Un occhio di riguardo all’ecobonus

Nei nostri corsi di formazione per proprietari, a volte i partecipanti ci chiedono informazioni sugli ecobonus e affitti brevi: potendo accedere al superbonus, gli host possono richiedere anche questo tipo di detrazione fiscale per una serie di interventi come installazione di pannelli solari, di infissi, cappotti termici e altri strumenti per l’efficientamento termico, interventi di domotica volti alla riduzione dei consumi, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, installazione di colonnine elettriche per la ricarica dei veicoli elettrici.

 

Ognuno di questi interventi ha degli importi massimi per accedere alle detrazioni fiscali: 30.000 euro per gli impianti di climatizzazione, 60.000 euro per i pannelli solari, sistemi di riscaldamento dell’acqua di ultima generazione, interventi sull’involucro dell’edificio, 100.000 euro per gli altri interventi di riqualificazione energetica.

 

Accedere a questa agevolazione fiscale, in particolare, consente di “svecchiare” il tuo alloggio e garantire un migliore soggiorno ai tuoi ospiti. Ne varrà la pena!

 

superbonus locazioni turistiche 2Tieni anche a mente che sempre più persone sono attente al rispetto dell’ambiente e che dimostrarti più green può migliorare la loro esperienza nel tuo alloggio, oltre che attirare nuovi ospiti. Se questi raggiungono l’appartamento con un veicolo elettrico o usufruiscono di monopattini/bici, allora farai bella figura dotando il tuo alloggio di colonnine elettriche.

 

Questo è solo un esempio dei vantaggi che la riqualifica del tuo alloggio può portare.

Conclusioni

Ricorda sempre che gli interventi di recupero, restauro, ammodernamento e miglioramento energetico sono investimenti a lungo termine. Le ricadute, sono quindi da misurare negli anni.

 

Se vuoi saperne di più sugli gli affitti turistici, o vuoi migliorare i tuoi rendimenti, contattaci e scopri i nostri servizi:

 

Ti ricordiamo inoltre che puoi trovare gratuitamente tanti video esplicativi sul nostro canale YouTube Turidea e che puoi continuare a seguire questo blog per non perdere nessun aggiornamento sul mondo degli affitti brevi.