Affitti brevi post-Covid: in ripresa prima degli hotel?

Se è vero che l’emergenza coronavirus e le relative ripercussioni stanno interessando moltissimi settori, è anche vero che parlando di ripresa, per gli affitti brevi ci potrebbero essere delle opportunità in più rispetto ad altre realtà come gli hotel.

 

E’ davvero lecito pensare che un turista sarebbe più disposto a prenotare la sua vacanza in appartamento piuttosto che in hotel nei mesi post Covid-19 utilizzando portali come Airbnb? In che misura? Per rispondere a queste domande bisogna analizzare quali saranno le nuove necessità dei viaggiatori durante la ripresa, e quali i trend attesi.

 

Nell’articolo di oggi, basandoci sulla nostra esperienza di consulenza per host e gestione appartamenti, cercheremo di dare delle risposte a questi interrogativi, facendo un quadro della situazione e riassumendo quali potrebbero essere le opportunità da cogliere in questo particolare momento per le locazioni turistiche. Se sei già del settore o magari stai pensando di entrarci, i prossimi minuti di lettura potrebbero darti qualche utile spunto di riflessione!

I vantaggi degli appartamenti rispetto agli hotel

E’ verosimile pensare che nella fase di ripartenza gli appartamenti in affitto breve possano recuperare  meglio e più velocemente rispetto agli hotel. Questa idea si basa sull’analisi di alcune caratteristiche che farebbero di queste strutture una soluzione più adatte alle necessità dei turisti nella fase post-COVID 19. Proviamo a capire quindi perché un viaggiatore dovrebbe essere più a suo agio ad alloggiare in un appartamento piuttosto che in un albergo.

 

Nessun rischio di assembramenti.

In base a quello che ci dicono gli esperti, per ridurre le possibilità di contagio bisogna evitare gli assembramenti. In quest’ottica, le aree comuni degli hotel potrebbero destare qualche preoccupazione: zone come la sala ristorante, la piscina, la hall, generalmente mettono in contatto molti ospiti a poca distanza tra loro.

 

 

Minori rischi legati ad un eventuale quarantena.

In molti si chiedono cosa succederebbe se sei in un hotel venisse riscontrato un caso di coronavirus. Verrebbe messo in quarantena tutto l’hotel? O magari un intero piano? Non lo sappiamo. Sicuramente gli alberghi troveranno misure efficaci per gestire emergenze di questo tipo, ma è comprensibile che un viaggiatore si ponga l’interrogativo.

 

Maggiori spazi.

Un appartamento offre spazi ben maggiori rispetto a quelli di una camera di hotel, e talvolta a disposizione del guest c’è anche un giardino o una piscina privata. Se si dovessero chiudere delle zone imponendo il divieto di spostarsi, sarebbe sicuramente più comodo ritrovarsi all’interno di un alloggio privato.

 

Prezzi minori.

Le ripercussioni economiche del Covid-19 saranno pesanti, e molti viaggiatori pur di non rinunciare alla loro vacanza, potrebbero avvicinarsi agli affitti brevi considerandoli una valida alternativa più economica al soggiorno in albergo. È risaputo infatti che questo genere di sistemazione permette un notevole risparmio, ed allo stesso tempo consente al turista di calarsi meglio nell’atmosfera del luogo.

 

Minore offerta di hotel.

C’è poi da considerare un aspetto economico.  Un hotel è una macchina complessa e costosa, che per lavorare deve poter contare su un certo numero minimo di ospiti. L’attuale situazione potrebbe far venir meno questo presupposto, spingendo numerose strutture a non aprire del tutto. Gli appartamenti da questo punto di vista, possono permettersi una maggiore elasticità, soprattutto se l’immobile è di proprietà.

 

 

Le opportunità per chi affitta

Nei nostri corsi per host, ci teniamo sempre a mettere in risalto le opportunità per chi affitta: è il caso di replicare questo approccio anche qui, chiedendosi se il delicato periodo successivo all’emergenza possa offrire delle chance.

Innanzitutto, gli alloggi isolati o collocati in paesini di campagna che prima potevano contare su un flusso turistico limitato, oggi potrebbero essere riscoperti proprio in virtù e del maggiore isolamento che queste zone possono offrire. I viaggiatori più timorosi infatti, potrebbero vedere in queste strutture il giusto compromesso tra relax, pace, e minori rischi per la propria salute.

 

ipotesi di ripresa affittiAlcuni competitors potrebbero poi aver deciso di destinare la propria abitazione ad altri usi, spaventati dall’incertezza sul futuro. Questo significherebbe una minore concorrenza e quindi maggiori spazi di manovra per gli operatori rimasti, purché si sappiano presentare in modo professionale e preparato.

 

Infine, il maggior tempo disposizione può finalmente dar modo di riflettere, studiare la propria struttura, e valutare quali potrebbero essere gli aspetti da migliorare. Potrebbe essere il giusto momento anche per investire sulla propria formazione, facendosi aiutare da un professionista del settore.

 

Trend e strategie: cosa aspettarci e come rispondere?

Proviamo ora a formulare un’ipotesi, basandoci sulla nostra speranza di consulenza e gestione appartamenti, su quella che potrebbe essere la ripresa.

  • Tipologie di turisti. I primi a ripartire saranno gli italiani, con una ripresa cauta all’inizio che tenderà ad irrobustirsi velocemente se non subentreranno altre emergenze. Inizieranno poi a tornare anche gli stranieri, ma in un secondo momento.
  • Stagionalità. I primi mesi saranno sotto media come presenze, ma è ragionevole pensare a una stagione autunnale promettente, forte del fatto che molti eventi e fiere primaverili sono stati rimandati a questo periodo, e che diversi viaggiatori che per motivi di lavoro o economici non abbiano potuto godere dell’estate ne approfittino per svagarsi. Il 2021 poi, potrebbe essere un anno record, occasione per molti di riscattarsi dalle privazioni del 2020.
  • Last minute. Non avendo certezze sullo sviluppo della pandemia, è ragionevole pensare che i turisti preferiranno decidere all’ultimo momento se partire o no. Per questo motivo sarà molto importante attuare una politica di cancellazione flessibile che sia in grado di andare incontro alle esigenze degli ospiti.
  • Un’offerta minore ma più qualificata. Abbiamo detto che presumibilmente ci sarà una minor offerta, ma gli operatori rimasti  saranno sicuramente più preparati e professionali. Sarà quindi fondamentale migliorare il proprio alloggio e adottare le giuste tecniche di prezzo.

 

Quali strategie adottare quindi?

previsioni di ripresaBeh ci sono molte attività strategiche da compiere, la più importante delle quali l’ abbiamo già anticipata: per emergere nei mesi post-Coronavirus sarà fondamentale più che mai investire in professionalità e formazione. Solo chi conosce le giuste tecniche di gestione, gli strumenti di supporto, e le  tecniche di marketing adeguate, potrà affrontare questo periodo con solidità.Essere in grado di proporsi al cliente con un’offerta seria e i giusti servizi consentirà non solo di battere la concorrenza, ma anche di ritagliarsi nicchie ad alto valore aggiunto.

 

Giocherà inoltre un ruolo essenziale la pulizia. Se prima era importante essere impeccabili, ora diventa fondamentale: una cattiva recensione potrebbe davvero costare caro!
Sarà poi utile ottimizzare e aggiornare gli annunci, rispondendo velocemente ad ogni richiesta per favorire il miglioramento del proprio ranking su portali come Airbnb e Booking.
Infine, le politiche di prezzo dovranno tenere conto della lunghezza del soggiorno: in questo senso, considerata la situazione, sarà meglio avere meno soggiorni ma di durata maggiore. Consigliamo inoltre di impostare politiche di cancellazione flessibili, per i motivi sopra esposti.

 

 

E tu, come reagirai? Noi saremo al tuo fianco!

Come hai visto, sono tante le cose che puoi fare per reagire con forza e decisione in questo periodo di ripresa. Spetterà a te scegliere come, ma noi saremo al tuo fianco!

Sia sul nostro blog che sul canale YouTube Turidea puoi trovare tanti spunti totalmente gratuiti su come migliorare il tuo business negli affitti brevi.

Siamo a tua disposizione anche con i seguenti servizi aggiuntivi:

 

Ci auguriamo che questa analisi ti abbia aiutato a pianificare meglio il tuo futuro nella locazione turistica! Alla prossima!

By |2020-05-09T14:42:36+00:0012 Maggio 2020|Blog|

Leave A Comment