Gli ultimi anni hanno visto un grande sviluppo degli affitti brevi, una forma di locazione di massimo 30 giorni, destinata a turisti o viaggiatori d’affari che necessitano di un alloggio per periodi limitati. Si tratta di ospiti che sono disposti a pagare un prezzo giornaliero superiore a quello di un normale affitto di lungo periodo. Questa opportunità, ha visto l’affermarsi di alcuni portali telematici molto utili per raggiungere questo tipo di clientela.

 

Nell’articolo di oggi in particolare, ci chiederemo Airbnb come funziona per il proprietario. Analizzeremo le caratteristiche principali di questo portale, i vantaggi e gli svantaggi, inserendo qualche spunto che può essere utile anche a chi già utilizza questa piattaforma.

 

Tutto quello che leggerai ha delle basi pratiche, essendo tratto dalla nostra esperienza di gestione di appartamenti e dai nostri corsi di formazione rivolti a chi come te, si avvicina a questo settore. Cercheremo quindi di essere brevi ma completi, fornendoti tutti gli elementi essenziali a comprendere gli aspetti principali del famoso portale americano. Sei pronto? Molto bene, allora mettiti comodo… e iniziamo!

Cos’è Airbnb e come funziona

funzionamento OTAIniziamo dalle basi chiarendo intanto che cos’è Airbnb e come funziona. Airbnb è una OTA, ovvero una “online travel agency”, che tradotto significa agenzia di viaggio online. Paragonare questo portale ad una classica agenzia di viaggi è sbagliato: si tratta piuttosto di un sito che mette in collegamento l’offerta (i proprietari) con la domanda (i viaggiatori) permettendo a questi ultimi di prenotare e pagare direttamente.

 

Quello dei pagamenti è un aspetto che ci viene chiesto spesso di approfondire durante i nostri corsi di formazione per proprietari. A tal proposito, è bene sapere che gli ospiti pagano l’intero importo prima dell’arrivo, e questo viene versato sul conto del proprietario 24 dopo il check-in. Questa formula permette di garantire da una parte il viaggiatore sulla reale esistenza della struttura, e dall’altra il proprietario sull’effettivo versamento della quota.

 

Con Airbnb non ci sono sorprese: quando l’ospite mette piede in casa tua, sei già certo che ha pagato il prezzo stabilito. Non è poco, considerati i problemi di insolvenza che troppo spesso interessano gli affitti tradizionali!

 

 

 

Ci sono però anche altri vantaggi che riguardano questa piattaforma, in particolare:

  1. Assicurazione. Se ricevi una prenotazione, questa sarà coperta da una polizza che, in molti casi, ti permette di ottenere un rimborso sui danni al tuo alloggio per mano dei viaggiatori. Oltre a questa tutela, potrai contare anche su una copertura RC nel caso qualcuno si faccia male all’interno dell’appartamento.
  2. Avrai anche la possibilità di scegliere chi ospitare. Airbnb dà infatti l’opportunità di valutare ogni richiesta, fare domande all’interessato, e solo in seguito scegliere se accoglierlo oppure no.
  3. Potrai anche vedere il “curriculum” dell’interlocutore, ovvero tutte passate recensioni lasciategli dai proprietari che lo hanno ospitato in passato.
  4. Infine, potrai anche cancellare delle prenotazioni in caso di problemi. Specialmente quando sei alle prime armi, potresti dimenticarti di chiudere il calendario. Anche in questo caso nessun problema, potrai procedere direttamente dalla piattaforma.

 

A tutto questo si aggiunge la flessibilità tipica delle locazioni turistiche: deciderai tu quando affittare e quando no, dedicandoti solo per il tempo che ritieni opportuno. Sulla base di quanto detto, è evidente che Airbnb rappresenta una valida alternativa per un proprietario che intende avvicinarsi a questo mondo. Ci sono però anche delle criticità che vanno attentamente analizzate prima di cominciare.

 

Criticità: non tutto è semplice come sembra

vantaggi della piattaforma AirbnbIscriversi ad Airbnb è molto semplice, e lo è anche creare il proprio annuncio. Tutt’altra cosa però, è saperlo ottimizzare affichè renda al meglio. Capita in effetti che diversi proprietari ci contattino per aiutarli a migliorare il rendimento del proprio appartamento, delusi dalle poche prenotazioni o dai prezzi troppo bassi. La motivo di ciò (e in questo ci rivolgiamo anche a chi opera già in questo settore) è secondo noi da ricercare proprio in una bassa specializzazione degli operatori sul mercato. Proviamo a spiegarci meglio.

 

L’apparente semplicità di utilizzo di una piattaforma come Airbnb, ha portato molti principianti ad avvicinarsi a questo mondo… e questo è un bene. C’è da dire però, che in questo modo il mercato si è riepito velocemente di soggetti appassionati ma privi delle basi di marketing, gestione dei prezzi, studio dell’offerta, della clientela, ecc. Questo ha obbligato molti operatori a fare l’unica cosa che ritenevano efficace per aumentare le prenotazioni: abbassare il prezzo. Ciò ha portato a rinunciare a dei profitti che sarebbero stati possibili con una gestione più consapevole.

 

Per queste ragioni ripeto anche a te la stessa raccomandazione che facciamo ai nostri corsisti: non smettere mai di studiare ed approfondire questo settore, perché non è così banale come può sembrare! Per aiutare persone come te, abbiamo creato sul nostro sito la sezione “fai da te”, dove troverai molti altri articoli e anche video gratuiti tratti dal nostro canale Youtube.

 

 

Come partire con il piede giusto

Nello spiegarti Airbnb come funziona per il proprietario, ti abbiamo invitato a non sottovalutare la tua formazione. Ci sono però altri elementi che secondo noi di Turidea è bene avere chiari per partire con il piede giusto:

 

  • Tempo libero. Se decidi di affittare a turisti dovrai disporre di una certa flessibilità di orari o in alternativa, di qualcuno che ti aiuti. Gli ospiti potrebbero avere delle necessità a qualsiasi ora del guorno, e ci dovrà essere sempre qualcuno che risponde al telefono. Se quindi svolgi un lavoro che ti obbliga ad assentarti in una fascia oraria, assicurati di avvalerti di un valido collaboratore.
  • Disponibilità di date. Può non avere molto senso aprire il calendario per pochi giorni durante l’anno. Prendi in considerazione il fatto affittarlo il più possibile.
  • Rapidità. Quando ricevi una richiesta di informazioni, cerca di essere rapido nella risposta. A nessuno piace aspettare troppo per una risposta, e potrebbero nel frattempo cercare un’altra soluzione.
  • Organizzazione. Infine, cerca sempre di avere chiari i periodi di apertura e di chiudere il calendario se l’alloggio non è disponibile. E’ vero che cancellare le prenotazioni è possibile, ma questo potrebbe comportare una penale, che è sempre bene evitare.

 

Come partire velocemente

criticità di un portale telematicoMolto bene, abbiamo chiarito Airbnb come funziona per il proprietario, e hai capito quali sono i vantaggi e e le criticità di questa piattaforma… e ora? Come partire velocemente?

 

Il primo passo è avere le idee chiare sull’impostazione che intendi dare alla tua attività di locazione, che in ogni caso deve essere di tipo professionale. Ti sconsigliamo approcci del tipo “inizio, e vedo come va”, rischi solo di buttare via molti soldi in prenotazioni che avresti potuto ottenere ma che non ottieni per mancanza di preparazione. Piuttosto, noi di Turidea ti suggeriamo di identificarti in una delle seguenti categorie di proprietari e agire di conseguenza:

 

  • Molto tempo, e appartamento vicino. La prima categoria riguarda i proprietari che hanno molto tempo libero e intendono gestire un alloggio che si trova nelle vicinanze della propria abitazione. Se questo è il tuo caso, dedicati ad uno studio approfondito del settore prima di cominciare: nella nostra sezione “fai da te” e sul nostro canale YouTube Turidea troverai tanti spunti totalmente gratuiti!
  • Poco tempo, e appartamento vicino. Se l’alloggio da gestire non è lontano ma tu non hai tempo di studiare le migliori tecniche, può essere utile puntare su un corso di formazione che ti permetta di risparmiare tempo e partire subito con il piede giusto. Puoi dare un occhiata alla pagina dedicata al nostro corso personalizzato Masterhost, pensato per i proprietari che vogliono diventare gestori.
  • Appartamento lontano. Se la casa vacanze si trova a molti chilometri da casa, non ci sono molte alternative: dovrai farti aiutare da qualcuno che la gestisca al posto tuo. A tal proposito puoi visitare la nostra pagina dedicata alla gestione.

 

Speriamo davvero che questo articolo ti abbia aiutato ad orientarti, e a prendere la decisione migliore per avviare la tua casa vacanza!