All’interno del canale YouTube di Turidea, abbiamo ampiamente trattato l’argomento prezzi su Airbnb. Giustamente, una delle preoccupazioni degli host è il pagamento, in quanto l’affitto della casa è una fonte di reddito, a volte l’unica per loro.

 

In questo articolo vedremo come funziona su Airbnb pagamento host. Sicuramente ti sarai posto il problema del metodo con cui la piattaforma invia il denaro ai proprietari dopo averlo prelevato dalla carta di credito degli ospiti. Sapere come funzionano i versamenti su Airbnb è utile anche per gestire al meglio eventuali disguidi legati al soggiorno. Quindi ti invitiamo a leggere questo articolo fino alla fine e a scoprire anche tutti i servizi Turidea pensati per semplificare la vita agli host.

 

Tra questi, dai un’occhiata ai nostri corsi di formazione per proprietari o chiedi una consulenza mirata per far crescere il tuo business!

 

Come inserire metodo di pagamento Airbnb

airbnb con paypalInserire il metodo di pagamento su Airbnb è semplice:

  • basta recarsi nell’Account e cliccare sulla voce Pagamenti e compensi;
  • nella scheda Compensi, clicca su Aggiungi preferenza di pagamento e si aprirà una finestra con delle impostazioni;
  • scegli il tuo paese o la tua regione di fatturazione e verifica i metodi di pagamento disponibili (scoprirai i principali nel prossimo paragrafo!);
  • scegli il metodo di pagamento che preferisci e clicca su Avanti;
  • è possibile che ti verrà chiesta la conferma del profilo tramite l’invio di un SMS.

 

Nella stessa sezione Pagamenti e Compensi, è possibile aggiungere, rimuovere o modificare un metodo di pagamento.

 

Come cambiare il metodo di pagamento su Airbnb

Per cambiare il metodo con cui si ricevono i compensi da parte di Airbnb si procede come illustrato nel paragrafo precedente, ma con una piccola variante: dovrai aggiungere un ulteriore metodo di pagamento e selezionarlo come definitivo.

 

Preferenze di pagamento su Airbnb

Su Airbnb pagamento host varia in base alle regioni di fatturazione. In Italia, puoi scegliere tra tre opzioni:

  1. PayPal. E’ disponibile sia in euro che in dollari. Si tratta di un metodo che gli ospiti apprezzano molto per via della sicurezza e della rapidità delle transazioni. Per poterlo utilizzare, basta aprire un account gratuitamente, o pagando una piccola commissione in caso di apertura del conto Business, e collegare un conto corrente o una carta. La ricezione del denaro può avvenire al massimo dopo quattro ore dal pagamento e implica una minima percentuale su ogni transazione;
  2. Bonifico bancario. E’ il metodo più tradizionale per scambiare denaro, e si usa anche in questo caso. Basta inserire le proprie coordinate bancarie al momento della scelta del metodo per ricevere i soldi. Il vantaggio è che non ha costi aggiuntivi. Lo svantaggio di questo metodo di pagamento risiede nella lentezza della transazione che può richiedere fino a sette giorni lavorativi;
  3. Carta di debito prepagata Payoneer del gruppo Mastercard in euro. Anche questo metodo di pagamento è molto veloce in quanto consente la ricezione di denaro in massimo quattro ore. Tuttavia, come PayPal, potrebbe presentare dei costi aggiuntivi.

 

Quando scegli il metodo di pagamento ideale, quindi, tieni conto dei tempi d’attesa e opta per quello più rapido o più comodo per te. Se hai ulteriori dubbi, non esitare a prenotare la tua consulenza mirata sul nostro sito.

 

 

Perché è importante scegliere il metodo di pagamento giusto?

compensi appartamento e relative modalitàLa scelta del metodo di pagamento è importante non solo perché così il proprietario può decidere dove accumulare il denaro guadagnato, ma anche poiché ogni preferenza prevede delle tempistiche e dei costi diversi. Come spieghiamo ai nostri clienti durante i corsi di formazione per proprietari, comprendere quanto impiegano i soldi a raggiungere l’host è fondamentale per gestire i disguidi.

 

Spieghiamoci meglio. Immagina che un ospite prenoti il tuo alloggio per le sue vacanze. Versa l’ammontare richiesto e in pochi secondi il proprietario riceve la notifica del prossimo arrivo dei turisti. In quel momento, però, i soldi dell’ospite sono congelati nelle mani di Airbnb.

 

Il proprietario non ha ancora ricevuto nulla. Non gli è dovuto un anticipo neanche al momento del check in. Solo dopo 24 ore, l’host riceve la notifica dell’avvenuto pagamento che arriverà comunque sul suo conto corrente in un paio di giorni lavorativi circa.

 

Perché il pagamento avviene così lentamente? Per una questione di tutela nei confronti dell’ospite. Ti facciamo degli esempi:

  • L’immobile non esiste. Airbnb non paga l’host fino all’arrivo dell’ospite perché non è tenuto a verificare che l’alloggio esista davvero! In questo caso, la piattaforma si impegna a rimborsare l’ospite interamente;
  • La casa esiste, ma non corrisponde alla descrizione e quindi l’ospite si ritrova in un appartamento per cui ha pagato ma di cui non è soddisfatto. Airbnb tiene conto anche di questa evenienza;
  • L’alloggio esiste, è come descritto dall’annuncio ma vi sono problematiche di altro tipo, come la pulizia inadeguata, danni all’appartamento e molto altro.

 

Queste situazioni possono capitare, ed Airbnb non cede il denaro all’host fino a che non è sicuro che l’ospite abbia trovato l’appartamento che aveva prenotato.

 

Pagamenti per soggiorni lunghi su Airbnb

pagamento al proprietarioQuando si tratta di soggiorni lunghi, quindi prenotazioni di durata superiore al mese, il processo di pagamento è leggermente diverso. Quando un ospite prenota un alloggio per molti giorni, il sito non trattiene subito tutta la somma, ma lo fa a cadenze regolari.

 

Un primo importo viene prelevato prima del check-in e gli altri nelle settimane successive, durante il soggiorno. Anche l’host riceve il pagamento “a rate”. Solitamente il primo versamento avviene 24h dopo il check-in e i seguenti a cadenza regolare nelle settimane successive.

 

Se dovesse emergere qualsiasi problema, il sito rimane pronto a interrompere i pagamenti fino alla risoluzione degli inconvenienti.

 

Cosa succede se si verificano problematiche con il pagamento?

Non succede spesso, ma se una transazione non dovesse andare a buon fine, Airbnb avviserebbe il proprietario del mancato pagamento. Qualsiasi disguido si presenti al momento del pagamento viene infatti notificato immediatamente dal portale sia all’ospite che all’host tramite e-mail. Questo vale anche nel caso non sia possibile prelevare del denaro dalla carta del guest durante il soggiorno.

 

In caso di problemi con il pagamento, noi di Turidea ti suggeriamo di contattare subito l’ospite e segnalare il problema, sollecitandolo al saldo, per evitare di trovarti con una parte del soggiorno non pagata!

 

Conclusioni

In questo articolo hai scoperto come funziona su Airbnb pagamento host. Speriamo di esserti stati utili, ma se hai bisogno di maggiore supporto, non esitare a rivolgerti a noi!

 

Ti possiamo aiutare con diversi servizi dedicati:

Approfitta anche dei nostri contenuti gratuiti sul blog e sul canale YouTube Turidea!