Il settore del turismo contribuisce molto al PIL italiano e il Coronavirus non ha certo aiutato la nostra economia. Ora che sempre più persone sono vaccinate e ormai abbiamo approfondito la conoscenza di questo virus, il modo di viaggiare delle persone è cambiato di nuovo. Sono nate nuove tendenze, che i turisti preferiscono ai tradizionali soggiorni.

 

Oggi la sfida del settore dei viaggi è quella di garantire agli ospiti la massima sicurezza. Dal canto loro, i turisti sono sempre più selettivi e attenti alle loro scelte quando si spostano. Per questo tu, come host, devi assolutamente prendere qualsiasi precauzione per garantire sicurezza nel tuo alloggio.

 

In questo articolo, vogliamo parlarti di Covid e turismo. Scopriremo insieme le nuove tendenze di viaggio e anche quelle che si sono affermate durante la pandemia. Offriremo poi dei consigli utili per rendere un alloggio attrezzato contro il Covid-19.

 

Giunto alla fine di questo contenuto, avrai le idee più chiare sull’argomento. Tuttavia, noi di Turidea possiamo darti ancora più spunti per migliorare il tuo business: iscriviti al nostro canale YouTube, ricco di video sugli affitti brevi, oppure scopri i nostri corsi di formazione e consulenze mirate per gestire al meglio la tua attività di business.

Le nuove tendenze di viaggio dopo il Covid-19

Secondo una ricerca dell’ENIT, ci vorrà un po’ di tempo per tornare allo stato del turismo prima del Covid, ma nonostante questo, molte persone non riescono a rinunciare ai viaggi.

 

rendere una casa covid freeE’ stato osservato che tra i principali desideri degli italiani, per esempio, al primo posto ci sia quello di andare in vacanza, superando anche il possesso di oggetti di lusso o all’avanguardia. La vacanza e il viaggio sono sempre più considerati come bisogni essenziali per il benessere psico-fisico delle persone. E’ lecito pensare quindi, che la paura dei contagi non fermerà la voglia di partire dei viaggiatori.

 

Sono comunque cambiati i modi di soggiornare: secondo recenti ricerche, la nuova tendenza più diffusa sarà il workation. Il termine indica un ibrido tra vacanza e lavoro. Si tratta essenzialmente di smart working, ma in mete più rilassanti e lontane dalla propria casa. Per fare questo, sembra che i viaggiatori preferiscano gli appartamenti turistici, piuttosto che gli affollati hotel.

 

Questo aspetto è molto importante per un host: infatti, le persone percepiscono come più sicure e pratiche le case vacanze. Alla luce di ciò, è strategico per te fare in modo che la tua struttura sia ben attrezzata per garantire il massimo del comfort, ma anche della protezione contro i contagi. Se non sai bene come intervenire per rendere più sicura la tua casa vacanze, continua a leggere l’articolo o dai un’occhiata al nostro corso Masterhost, un percorso one-to-one su misura per te, con l’obiettivo di insegnare ai partecipanti tecniche di gestione professionali e performanti.

 

 

Il potenziale degli affitti brevi contro il Covid-19

Il vantaggio principale delle case vacanze rispetto a campeggi o hotel è certamente il maggiore isolamento. Meno persone significano anche maggiore relax ed riduzione del rischio di contagio.

 

affitti turistici preparati contro il covidGli affitti brevi, inoltre, sono flessibili. Trovare una struttura su Airbnb last minute è semplice, e in una casa vacanze è spesso possibile portare con sé, aggiungendoli all’ultimo momento, i propri familiari e gli animali domestici, per un soggiorno a contatto con le persone a cui si vuole bene.

 

Gli affitti turistici alimentano poi una nuova tendenza di viaggio che si è diffusa proprio con l’arrivo della pandemia. Molte più persone oggi preferiscono il cosiddetto turismo di prossimità, ovvero non tanto lontano da casa. Si opta per mete vicine, in campagna o presso il mare. Si preferisce evitare le città affollate o i luoghi di villeggiatura dove è necessario prendere i mezzi pubblici.

 

Come dicevamo poco fa, la parola d’ordine è sicurezza, e gli affitti brevi possono certamente andare incontro a questa nuova esigenza.

 

Come rendere Covid-free una casa vacanze

Ora che hai compreso il rapporto tra Covid e turismo, è il momento di passare alla pratica. Ogni Host dovrebbe preoccuparsi di rendere la sua casa vacanze Covid-free, ovvero abbassando al minimo il rischio di contagio.

 

Ecco alcune accortezze che dovresti adottare anche tu:

  • seguire i protocolli di pulizia e igienizzazione delle strutture secondo le indicazioni dell’OMS;
  • verificare che tutti gli elettrodomestici destinati alla pulizia, come lavastoviglie, lavatrice, aspirapolvere ecc. funzionino alla perfezione per garantire la migliore igiene;
  • porre dispenser di gel sanificante all’ingresso dell’appartamento e, se possibile, anche in altre zone come bagni o cucine;
  • nel caso in cui la struttura possegga una piscina o una SPA, è necessario mantenere un’appropriata concentrazione di disinfettante nell’acqua per eliminare qualsiasi agente patogeno;
  • evitare i prodotti alimentari sfusi, come caffè in polvere o zucchero, ma optare piuttosto per bustine monoporzione usa e getta. Questo vale anche per i prodotti da bagno che dovrebbero essere monodose;
  • lasciare una guida in bella vista sulle buone norme igienico-sanitarie, in modo che l’ospite possa sempre consultarla durante il suo soggiorno e adottare comportamenti anti-Covid;
  • non esagerare con i prodotti disinfettanti per via delle sostanze volatili che potrebbero disperdersi nell’ambiente. Queste sono nocive e causano spesso indesiderate reazioni allergiche.

 

Conclusioni

sicurezza e igiene casaIn questo articolo hai scoperto il rapporto tra Covid e turismo e come la pandemia abbia cambiato il modo di viaggiare delle persone. Ti consigliamo di intervenire da subito per rendere più sicura la tua casa vacanze contro i contagi, non solo per il benessere dei tuoi ospiti, ma anche per rendere il tuo business più proficuo.

 

Noi di Turidea possiamo supportarti in questo e in altri miglioramenti attraverso:

 

Segui il nostro Canale YouTube per nuovi aggiornamenti sul mondo degli affitti brevi!