Hai un appartamento da affittare e ti sei reso conto che potrebbe essere una buona risorsa da sfruttare. Il web offre molte opportunità per far crescere il tuo business, tra cui siti per affittare case vacanze con delle funzionalità davvero utili.

 

Grazie a queste piattaforme, potrai presentare al meglio la tua proprietà, attirare nuovi ospiti, comunicare direttamente con loro e creare una fonte di reddito costante e proficua.

 

Le possibilità sono molte. Sei curioso di sapere quali sono i migliori siti per affittare casa vacanze? Se la risposta è si, ti consigliamo di leggere questo articolo fino alla fine. Scoprirai le piattaforme che offrono una gestione migliore e una maggiore visibilità senza che si rivelino una perdita di tempo (e denaro!). Scoprirai vantaggi e svantaggi di ognuna, così che tu possa scegliere la migliore per affittare la tua casa.

 

Alla fine dell’articolo avrai le idee più chiare sull’argomento e, se sentirai di avere ancora dei dubbi, non esitare a contattarci per una consulenza oppure guarda i nostri video gratuiti su YouTube per comprendere al meglio il mondo degli affitti turistici.

 

Perché è importante scegliere il giusto portale?

come affittare un appartamento turistico a viaggiatoriI siti per affittare case vacanze si chiamano, più correttamente, portali di intermediazione immobiliare online (OTA). Ognuna di queste piattaforme presenta caratteristiche diverse, che possono essere in linea con le esigenze di un host, ma non con quelle di un altro.

 

Ci sono, ad esempio, proprietari di case vacanze che gestiscono questa attività a livello professionale ed è per loro l’unica fonte di reddito. In questo caso, le aspettative sono molto alte e si è disposti a scendere a compromessi riguardo l’usabilità, pur di avere maggiore visibilità, anche gestendo più piattaforme.

 

Diverso il discorso per chi non è un professionista. In questo caso si predilige la facilità d’uso utilizzando meno portali. Nel caso il tempo che hai a disposizione sia poco, puoi cominciare ad affidarti ad Airbnb, verificare la sua usabilità, prendere confidenza con la gestione dei soggiorni e comprendere se riesci a gestire questo business in relazione ai tuoi impegni.

 

I viaggiatori possono essere accolti anche da un portinaio o comunque un membro del personale dell’edificio che si occupa del check in. Questa stessa persona, durante il soggiorno, si dovrà anche occupare delle necessità degli ospiti, rimanendo a disposizione.

 

Alcuni proprietari, poi, si affidano ad agenzie specializzate riguardo a sistemi di self check in a distanza: queste ditte installano degli smart lock che permettono l’accesso tramite app. Riprenderemo queste modalità tra poco.

 

 

Ci capita spesso, però, di incontrare situazioni diverse, per esempio, proprietari che cominciano l’attività con poca convinzione, rifiutando di investire (seppur poco denaro). Ebbene, durante le nostre consulenze, consigliamo sempre ai nostri clienti di ragionare sul fatto che dedicare poco spazio a questa attività ne limita fortemente i guadagni. Piuttosto che improvvisare, è bene affidarsi a un professionista che svolga le mansioni più strategiche. Noi di Turidea, per esempio, supportiamo gli host con corsi per proprietari personalizzati e con il nostro servizio di assistenza per una gestione completa o parziale dell’alloggio.

 

Una volta compresi gli obiettivi di guadagno, le funzionalità che stai cercando da una piattaforma online, il tempo a disposizione e la tua esperienza come host, è il momento di scegliere, tra i migliori siti per affittare casa vacanze, dove pubblicare gli annunci del tuo immobile!

 

Airbnb

Airbnb è perfetto per chi si approccia per la prima volta al settore degli affitti turistici. Non solo è molto semplice e intuitivo da usare, ma presenta anche dei termini e condizioni di utilizzo molto chiari e che tutelano al meglio il proprietario dell’alloggio in caso di errori o imprevisti.

 

Abbiamo ampiamente trattato l’utilizzo di Airbnb sul nostro canale YouTube e negli articoli del blog, in quanto è tra i siti più scelti dagli host italiani. Offre diverse funzionalità molto utili, tra cui la possibilità di fornire delle recensioni agli ospiti, dare in affitto un’intera casa o una sola stanza, un bungalow o una struttura in un campeggio. Il bello di Airbnb è la sua attenzione verso le esigenze dell’host: infatti, concede la possibilità di accettare o rifiutare una prenotazione sia in base ai propri impegni che all’impressione che il potenziale ospite ha dato di sé.

 

Airbnb fornisce anche agli host una comoda assicurazione per danni o responsabilità civile inclusa nel prezzo e non manca poi la comodissima cancellazione delle prenotazioni già in essere, anche se questa può comportare una perdita di visibilità, oltre a una penale in certi casi.sito per offrire casa vacanze

 

Il costo di Airbnb è costituito dalle commissioni percentuali richieste a host e ospiti. Per i primi, il sito richiede dal 3% al 5% sul ricavato, mentre ai secondi si arriva ad addebitare fino al 20%, a seconda della lunghezza del soggiorno e delle politiche di cancellazione. Nel complesso, il compenso trattenuto oscilla tra il 15% e il 20%.

 

Booking.com

Booking non solo è uno dei migliori siti per affittare casa vacanze: è un portale nato per hotel e consente di prenotare soggiorni in alberghi, ostelli, campeggi e molto altro. Anche per questo sono moltissimi, e in crescita, i clienti che si affidano a Booking per andare in vacanza.

 

A differenza di Airbnb, Booking preferisce tutelare maggiormente l’ospite, e noi di Turidea non sempre ne consigliamo l’iscrizione a chi entra nel settore per la prima volta senza un adeguato corso di formazione.

 

Su Booking è più facile incappare in disguidi, in quanto mancano alcune funzionalità fondamentali di gestione,come la cancellazione delle prenotazioni, il dare recensioni agli ospiti e rifiutare i soggiorni. Tutte opzioni comode per chi inizia la prima volta.

 

Nonostante queste mancanze, Booking ha come grande vantaggio quello di offrire una visibilità impareggiabile, che puoi scegliere di aumentare se concedi al sito una percentuale maggiore dei tuoi guadagni. Questa, parte da un minimo del 15% e arriva a un massimo del 30%.

 

Quindi, consigliamo Booking a chi affitta case online da più tempo o ha partecipato a un corso di formazione come Masterhost. Tutte queste funzionalità riducono i rischi di errori quali overbooking o altri disguidi.

 

 

VRBO

Chi è nel settore degli affitti turistici ricorda questo sito con il nome di Homeaway. Si tratta di una piattaforma che fa parte del gruppo Expedia e, a sua volta, include nomi famosi del turismo come Homelidays, Vacationrentals, Stayz o Torural.

 

Questo portale è davvero semplice da usare, ma soprattutto flessibile, perfetto per chi si affaccia per la prima volta al settore degli affitti turistici. Molto utili sono gli strumenti di analisi del proprio rendimento sul sito e per il marketing: si ha infatti la possibilità di scoprire i prezzi medi applicati dai concorrenti e i tassi di occupazione, ma puoi anche applicare tariffe speciali e gestire al meglio il tuo calendario delle prenotazioni.

 

Su VRBO è possibile cancellare le prenotazioni in base alle proprie esigenze e recensire i clienti. Per quanto riguarda i costi, al proprietario viene richiesta una percentuale dell’8%, mentre per l’ospite oscilla tra il 5% e il 12%.

 

Tripadvisor

Anche TripAdvisor offre una buona visibilità, anche se non tra le migliori. I costi di gestione sono tra i più bassi sul mercato, in quanto all’host viene richiesta solo la percentuale del 3% sul guadagno.

 

Tuttavia, noi di Turidea consigliamo di usare TripAdvisor come complemento ad altre OTA, in modo da massimizzare i tuoi guadagni.

 

Casevacanza.it

appartamento turistico dove pubblicareQuesto sito italiano offre molte possibilità agli operatori del turismo: su Casevacanza.it, infatti, è possibile prenotare B&B, hotel, appartamenti e molte altre strutture. La versatilità è quindi il punto forte di questa piattaforma che consente di iscriversi gratuitamente e di gestire facilmente l’account.

 

I costi interessano sia ospite che host. Nel primo caso, si applica una percentuale solo sulle prenotazioni con opzione istantanea, mentre per il proprietario sono previsti tre piani: Platino, che richiede il 3% + IVA su ogni prenotazione, Litio, per cui, per ogni richiesta di prenotazione, vengono scalati 3,98€, e Rubino, che parte da 199€ l’anno.

 

Conclusioni

Scegliere tra i migliori siti per affittare casa vacanze non è semplice. Bisogna valutare diversi aspetti, come il tempo a disposizione, l’esperienza dell’host e le funzionalità del sito e gestire l’account nel migliore dei modi.

 

Ecco perché molti host si rivolgono a noi in cerca di un supporto. Ci occupiamo sia di formazione tramite appositi corsi per proprietari, che di gestione completa o promozionale dell’alloggio. In particolare, la Turidea Academy offre consulenze mirate, assistenza e formazione per tutti gli host che vogliono migliorare il proprio business.

 

Scopri subito i corsi personalizzati per host e contattaci se hai bisogno di informazioni.